Yoga: chi lo pratica fa meglio all’amore

Corpo e mente lavorano in simbiosi e sincronia. Non c’è da stupirsi, quindi, se le persone che curano contemporaneamente il loro fisico ma anche la loro spiritualità, sperimentino non solo uno stato di salute e una qualità di vita migliori ma anche una vita sessuale più soddisfacente. In questo senso lo yoga è sicuramente una delle discipline più utili e che dà i risultati più efficaci.

iscriviti ora su incontri-casuali.eu

Perché? Perché la pratica di questa tecnica di rilassamento include anche una parte atta a scrutarsi dentro, a rimuovere i blocchi energetici negativi e a far ricominciare a fluire le emozioni positive. Tutto questo si ripercuote positivamente anche sotto le lenzuola, grazie a una nuova consapevolezza di sé e alla ritrovata autostima e sicurezza.

Lo yoga non è un semplice sport

Lo yoga è una disciplina orientale che ha radici antichissime. I principi dello yoga affondano le loro radici nei secoli scorsi e sono ricchi di tutte le conoscenze e della saggezza del popolo cinese.

Non si tratta di un semplice sport ma di una vera e propria disciplina che combina degli esercizi mirati per ritrovare armonia fisica e postura armoniosa a un lavoro di introspezione volto a riscoprire una spiritualità e una carica energetica che la vita di ogni giorno, frenetica e basata su materialismo e consumismo, spesso trascura eccessivamente.

chi pratica lo yoga ha orgasmi più intensi
In generale, una seduta di yoga per principianti si articola in questo modo:

un breve momento di insegnamento teorico, dove l’istruttore illustra un concetto della filosofia orientale, partendo da un aforisma, un proverbio o una consuetudine tipica del popolo cinese;
una sessione di allenamento fisico, che comprende esercizi lenti ma intensi, che puntano a incrementare la resistenza, la forza muscolare, l’equilibrio e la ricerca del proprio baricentro;
una sessione di meditazione e respirazione, che serve a liberare la mente dalle negatività, ad aprirsi alla positività e a stimolare il flusso energetico affinché fluisca in maniera corretta.

In alcuni casi si può concludere la lezione di yoga con una preghiera, generalmente un ringraziamento alle forze naturali e a se stessi.

Ricordiamo, infatti, che lo yoga, come tutte le filosofie orientali, ha come scopo principale quello di mettere il soggetto al centro del proprio mondo, nel “qui e ora”, e a focalizzare tutta l’attenzione su di sé. Perché se non ci si ama, stima e apprezza è impossibile amare, stimare e apprezzare gli altri e tutto ciò che ci circonda e ci accade.

Chi fa yoga fa meglio l’amore?

La voce di corridoio, anzi, “di spogliatoio”, che circola nelle palestre è che i praticanti di yoga e meditazione siano degli amanti eccezionali. Mito o realtà? In effetti c’è del vero.

Questa disciplina, che combina fisicità e spiritualità nella continua ricerca di un equilibrio tra forza animalesca e riflessione divina, insegna a chi la pratica molti concetti che possono portarli a diventare più performanti anche nel sesso.

  1. Il corpo diventa più flessuoso e agile, il che favorisce la possibilità di sperimentare posizioni nuove.
  2. Ci si ama di più, si impara ad apprezzare la propria fisicità. Questo fa crollare le barriere e la vergogna, promuovendo la voglia di farsi guardare, toccare, esplorare.
  3. Si impara a sviluppare una sensibilità raffinata e particolare, che aiuta l’empatia e quindi fa comprendere meglio e più velocemente i desideri dell’altro.
  4. Il viaggio introspettivo dentro se stessi aiuta a comprendere i propri desideri reconditi e profondi, nonché a liberarsi da pensieri limitanti, stress, paure e tabù. Questo rende più liberi mentalmente, anche a letto. E una mente libera vive anche il sesso in modo più naturale e appagante, orgasmo incluso.
  5. Si ottengono orgasmi più lunghi, intensi e coinvolgenti, proprio perché si riesce a raggiungere uno stato di relax e abbandono particolare.
  6. Gli uomini imparano a controllare le emozioni, così da riuscire a mantenere l’erezione più a lungo.

Perché yoga e orgasmo sono correlati?

In realtà non esiste una correlazione diretta tra la pratica delle discipline fisico-meditative e l’orgasmo. Tuttavia, il piacere sessuale è un’emozione che nasce e viene gestita dalla parte più primitiva e profonda del cervello, quella deputata alle sensazioni ataviche e incontrollabili dalla coscienza e dalla volontà.

La meditazione, che si impara e pratica durante le lezioni di yoga, va ad agire proprio sull’inconscio, su quei pensieri talmente nascosti dentro di noi che spesso non conosciamo e non riconosciamo.

L’introspezione, unitamente alla respirazione lenta e regolare che ossigena correttamente tutte le cellule cerebrali, aiuta a fare chiarezza su quelli che sono i veri desideri.

A poco a poco ci si accorge di cosa effettivamente piace e ci si disintossica dai paletti mentali che la società tende a metterci fin dai tempi della pubertà e dell’adolescenza.

Quanti tabù esistono ancora riguardo al sesso? Tanto per fare qualche esempio tra i più banali:

il sesso libero, al di fuori di una relazione ufficiale, è ancora visto spesso come qualcosa di poco morale;
il sesso orale, o anale, non sono sempre accettati;
i menages che vedono coinvolte più di due persone sono considerati malati e pervertiti.

La lista potrebbe continuare all’infinito. Molte persone non sono soddisfatte della loro vita sessuale, e quindi hanno anche problemi nel raggiungere l’orgasmo, proprio perché dentro di sé vorrebbero sperimentare alcune delle pratiche sessuali ritenute dalla società “sporche” ma si vergognano di ammetterlo tanto con se stessi quanto con il partner.

Prendere consapevolezza di questo, accettare i propri desideri e rendersi conto che sono naturali e realizzabili, fa cadere le paure e i timori.

Questo stato d’animo è sicuramente positivo anche per quanto riguarda la capacità di raggiungere le vette del piacere, in maniera naturale e potente.

L’orgasmo femminile e lo yoga

I benefici dello yoga sull’orgasmo femminile sono soprattutto psicologici:

maggiore rilassatezza, che si riversa anche durante i rapporti;
miglior coinvolgimento perché si impara appunto a rilassarsi, a respirare correttamente;
più autostima in se stesse e nel proprio corpo. Se ci si vede belle è anche più facile offrirsi al partner per esempio con la luce accesa, in posizioni meno tradizionali, in situazioni poco convenzionali, tutte novità che accendono la passione e stimolano il desiderio e il piacere finale.

L’orgasmo maschile e lo yoga

Sugli uomini, invece, questa disciplina agisce più a livello fisico.

Imparare a respirare e a trattenere le emozioni per poi farle fluire violentemente a comando è proprio l’essenza e la metafora assoluta dell’orgasmo maschile.

Gli uomini che si dedicano allo studio e alla pratica delle discipline orientali riescono ad avere erezioni più potenti, perché respirando correttamente si ossigenano meglio, rapporti più lunghi e a curare piccole problematiche come quella dell’eiaculazione precoce e dell’ansia da prestazione.

Anche in questo caso, l’autostima ritrovata ha un ruolo fondamentale. Un uomo che impara a comprendere il suo profondo valore e che impara a sentire e toccare con mano le proprie emozioni, difficilmente si sentirà a disagio o impaurito prima di avere un rapporto sessuale, una delle azioni più naturali del mondo.

Ecco perché avvicinarsi al mondo dello yoga, anche in coppia, può essere un’ottima idea per tutti coloro che sentono che nella loro vita sessuale manca qualcosa.

A volte, un’insoddisfazione latente che non si riesce a spiegare neanche a se stessi, è proprio il risultato di blocchi emotivi ed energetici che non si sanno gestire perché sconosciuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.