Siti di Incontri: le bugie più usate al primo appuntamento

Se una volta i siti dating rappresentavano un tabù, qualcosa da utilizzare con discrezione e in gran segreto senza parlarne troppo in giro, oggi più che mai, soprattutto in questo periodo storico caratterizzato da tante restrizioni alla vita sociale e alla valorizzazione conseguenziale dei mezzi tecnologici, sono stati totalmente sdoganati.

iscriviti ora su incontri-casuali.eu

Anche coloro che li guardavano con perplessità si sono fatti coraggio, hanno messo da parte qualsivoglia pregiudizio e si sono lanciati nel magico mondo delle piattaforme per incontri.

Cosa significa questo? Che iscriversi a un sito dating in questo momento offre la possibilità di incontrare veramente tantissima gente e di avere infinite opportunità di fare nuove conoscenze che, perché no, possono anche essere destinate a trasformarsi in vere e proprie storie d’amore.

Esistono dei limiti o dei pericoli per chi sceglie di cercare l’anima gemella online? Beh, ovviamente un minimo rischio c’è, come in tutte le cose. Uno su tutti quello di non poter sempre contare sull’assoluta sincerità del proprio interlocutore.

Siti Dating: un covo di bugiardi?

Probabilmente il discorso che andremo a fare interessa maggiormente le persone più mature, quelle che hanno vissuto da adulti il boom di internet a largo consumo e la nascita di chat, social e piattaforme adibite alla socializzazione.

Quando sono nati i primi portali con questo scopo, infatti, complice anche la possibilità di utilizzare nickname e l’inesperienza generalizzata degli utenti, andava molto di moda presentarsi online indossando le vesti del proprio alter ego. Cosa significa? Che su internet ci si mostrava non tanto per ciò che si era in realtà ma per ciò che si desiderava essere.

Dietro soprannomi spesso discutibili, fotografie rubate su Google e carriere mai raggiunte nella vita reale si riusciva spesso a ingannare la persona appena conosciuta che, dal canto suo, non era quasi mai in grado di accorgersi dell’inganno.

I ragazzi e le ragazze molto giovani, invece, che sono nati quando ormai la vita online era già perfettamente integrata in quella reale, sono molto più avvantaggiati da questo punto di vista.

Infatti, i più giovani, hanno iniziato a usare i Social già ai tempi di Facebook e Instagram, piattaforme sulle quali ci si presenta con nome e cognome e ci si connette a parenti e amici molto vicini, pronti a smentire eventuali bugie o esagerazioni.

Difficile, infatti, mentire sulla propria età o sulla propria professione se a commentare i post pubblicati ci si ritrova un parente o un collega.

I siti d’incontri, invece, essendo più anonimi e discreti, possono porgere il fianco a piccole grandi bugie che, se all’inizio intrigano, poi possono tramutarsi in veri e propri problemi.

siti dating le bugie più frequenti

Mentire sui Siti Dating

Prima di analizzare le principali bugie e gli inganni nei quali si può incappare cercando un compagno o una compagna sui siti dating dobbiamo precisare una cosa.

I siti di incontri non hanno lo scopo di condividere pensieri, idee, immagini o storie ma nascono per un motivo ben preciso: dare la possibilità agli iscritti di conoscere persone nuove con le quali possa nascere un interesse di tipo romantico o sessuale.

Pertanto, quando ci si iscrive a una di queste piattaforme si deve avere la consapevolezza che si incontreranno due tipologie di utenti:

quelli che desiderano sfruttare la tecnologia per cercare una persona con cui costruire un rapporto serio, duraturo e affettivo;
quelli che utilizzano il mezzo per divertimento, soprattutto alla ricerca di avventure intriganti, maliziose e stimolanti.

Naturalmente è legittimo far parte, e incontrare, sia del primo gruppo che del secondo. In quanto non c’è nulla di male nel voler cercare la propria metà della mela ma nemmeno nell’essere alla ricerca di situazioni disimpegnate e dalla forte carica emozionale ed erotica.

Tuttavia è giusto dire che, generalmente, le persone che sono alla ricerca dell’amore mentono molto meno rispetto a quelle che invece sono interessate all’avventura.

Per ovvi motivi. Innanzitutto, chi desidera innamorarsi vorrà poi costruire una relazione anche nella vita reale, cosa che gli impedirà di portare avanti troppo a lungo una menzogna.

Invece, chi desidera semplicemente collezionare emozioni hot non avrà particolare interesse nel raccontare troppo di sé, visto che sa già che non avrà intenzione di intrecciare conoscenze più profonde.

Le più comuni bugie che si raccontano sui Siti di Incontri

Perché si mente sui Siti Dating?

Per insicurezza: a volte si pensa di non essere abbastanza interessanti per poter essere notati da migliaia di altri profili, quindi si tende a inventare qualcosa su di sé che possa fare la differenza.
A causa di situazioni particolari che si vogliono nascondere, ad esempio un matrimonio o un fidanzamento.
Perché si desidera vivere effettivamente una sorta di vita parallela, in cui ci si dimentica di ciò che si è in realtà e si gioca ad essere qualcun altro, sentendosi così più liberi e disinibiti.

Il problema della bugia sui Siti Dating, però, presenta il suo conto durante il primo appuntamento.

In alcuni casi, se si è mentito, si può gestire la situazione anche di persona ma in altri, decisamente, no.

Quindi attenzione se si vuole raccontare qualche storiella non del tutto vera in quanto alcune menzogne possono pesare più di altre, magari anche rovinando quello che poteva diventare un rapporto interessante.

Le più comuni bugie raccontate sui Siti Dating

Quali sono, però, le bugie che più frequentemente le persone raccontano nella fase di conoscenza online?

  1. L’età. Ormai si vive questo mito della giovinezza che ci fa pensare che superati i trent’anni nessuno più sia degno di essere desiderato, amato, bramato. Quindi si tende ad auto-convincersi di dimostrare meno anni di quelli che si hanno e ci si sente anche abbastanza sicuri a dichiarare un’età inferiore a quella reale. Purtroppo, nella stragrande maggioranza dei casi, invece, la percezione altrui è diversa da quella personale e i dieci anni che ci si è tolti descrivendosi nel proprio profilo si vedono immediatamente al primo incontro.
  2. La carriera professionale. Per rendersi interessanti molte persone inventano di svolgere un lavoro che loro ritengono più sofisticato rispetto a quello che svolgono realmente. Spesso anche questa bugia viene scoperta quasi subito. Magari a causa del modo di scrivere e parlare, che risulta poco coerente con la carriera millantata oppure, nei casi peggiori, se l’altra persona, credendoci, chiede un parere professionale e non si è grado di rispondere.
  3. Lo stato civile. Un altro grande classico è rappresentato dall’essere impegnati, in un matrimonio o un legame ufficiale, e nasconderlo. Molte persone riescono comunque a tenere un piede in due scarpe per un po’ di tempo ma, prima o poi, se la nuova storia continua, è inevitabile essere scoperti.

Qualche consiglio sull’uso efficace dei Siti d’Incontri

Come si può fare, quindi, a utilizzare i Siti Dating in modo efficace senza rischiare di prendere fregature o di essere sbugiardati facendo una figuraccia?

Davvero è necessario essere totalmente trasparenti fin da subito? In realtà no. Non è detto che, conoscendosi su internet, bisogna dire veramente tutto di se stessi.

Sia per lasciare un po’ di mistero prima del primo appuntamento, che in questo modo mantiene quell’atmosfera adrenalinica che potrebbe essere spenta da una conoscenza troppo dettagliata bruciata in precedenza, tra chat e telefonate.

Sia per proteggersi un po’, in caso la persona incontrata non piaccia e quindi non si abbia piacere che sappia troppo di noi. Come fare a bilanciare la voglia di mistero e l’onestà? Ecco qualche piccola astuzia.

  1. Non si è obbligati a dichiarare la propria età, la foto del profilo o le foto che si scambia in privato possono bastare a dare all’altro un’idea del proprio aspetto fisico a prescindere dai dati anagrafici.
  2. Allo stesso modo non è necessario dare molti dettagli sul proprio lavoro, si può semplicemente spiegare a grandi linee di cosa ci si occupa senza scendere troppo nei particolari.
  3. Se si desidera nascondere alla nuova persona conosciuta una moglie o un marito, magari si può dire che ci si trova in una situazione un po’ particolare, in cui non si è del tutto liberi.

In questo modo si evita di dire una vera e propria bugia ma non si dà all’altra persona l’arma in mano per poter sbugiardare clamorosamente, quindi facendo una pessima figura.

Se poi il primo appuntamento va bene e ci si accorda per vedersi ancora si fa sempre in tempo a svelare, piano piano, sempre più dettagli.
In fin dei conti il bello delle nuove conoscenze è anche questo: scoprirsi poco a poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.