Seduzione: il “no contact” funziona sempre

Sono mesi che cerchi di sedurre qualcuno ma niente da fare, sembra proprio che questa persona non voglia cadere nella rete che stai tessendo con tanto impegno e dedizione.

iscrizione su incontri-casuali.eu

Si può imparare l’arte della seduzione e metterla in pratica così bene affinché la persona che piace possa essere irresistibilmente attratta? Ebbene sì. E in questo caso, aspetto fisico e carattere c’entrano davvero poco. Hai mai sentito parlare della tecnica del “no contact”? Te la spiego in questo articolo. Provaci. Cos’hai da perdere in fondo?

Perché le persone si innamorano?

Un vecchio proverbio dice: “Se vuoi sconfiggere il tuo nemico, studialo”. Il corteggiamento in effetti è un po’ come una guerra. Da una parte c’è una persona che ci prova, dall’altra qualcuno che non vuole cedere ma che si vuole portare a tutti i costi a farlo. Per riuscirci, è necessario sapere come funzionano i meccanismi di innamoramento.

Le persone si sentono attratte dal rifiuto e dall’indifferenza. Sembra assurdo, eppure è così. Non credere a chi dice: “Io cerco un uomo che mi faccia sentire una regina, io cerco una donna che mi copra di attenzioni”. Questo è senz’altro vero ma riguarda i rapporti già conclamati e consolidati. In fase seduttiva, tutti ma proprio tutti, tendono a desiderare le persone che li snobbano, che li fanno sentire in soggezione, che li spingono a mettersi in mostra per conquistare la loro attenzione.

sedurre con il no contact

Come sedurre: infallibile tecnica del “no contact”

I grandi seduttori conoscono bene la tecnica del “no contact”, che tra l’altro, in altri termini, è quella raccontata attorno al mitico personaggio di Casanova. Per riuscire a conquistare qualcuno è necessario stimolare la sua curiosità e creare in questa persona una sorta di “bisogno” di “desiderio di venire a scoprirne di più”.

Importa poco, in ambito seduttivo, l’aspetto fisico o la posizione sociale o altre quisquiglie che di chimico e attrattivo hanno poco. Si tratta esclusivamente di saper “manipolare” la psicologia umana e utilizzarla a proprio vantaggio.
Il metodo seduttivo infallibile si articola in tre fasi:

dare;
togliere;
no contact.

Vediamole una per una e capiamo perché funzionano.

Primo step della tecnica “no contact”: dare
Hai individuato la preda che vuoi sedurre? Parti subito con il primo step che consiste nel dare. Supera le timidezze e i paletti mentali e inizia a concederle tante soddisfazioni. Complimenti, gesti gentili, presenza. Funziona anche se vuoi conquistare qualcuno sui social: abbonda con like, cuoricini, commenti molto gentili e adulatori, messaggini privati molto espliciti ma pur sempre di classe, educati e intelligenti.

Corteggia la persona che ti piace in questo modo, esagerando rispetto a quello che ti sembra una normale dimostrazione di interesse. Non avere paura di risultare troppo diretto o diretta, non lesinare apprezzamenti e comportamenti dichiaratamente interessati. Continua così per qualche giorno, magari una settimana, non di più. Dopodiché passa alla fase due.

Secondo step del seduttore perfetto: togli
Quando sei sicuro, o sicura, che la tua preda ha ormai dato per scontato il tuo interesse, improvvisamente sferra un “colpo basso”. Ad esempio, sotto una sua foto postata su un social, anziché fare il solito complimento fai una leggera critica. Un esempio?

– “Sei sempre carina ma qui sembri molto stanca”;
– “In questa foto non sembri neanche tu, di solito sei tanto fotogenico!”.

Cose di questo tipo. Togligli/le la certezza della tua idolatria, fa’ che la sua sicurezza nei tuoi confronti vacilli pericolosamente. Ripeti questa cosa in diversi ambiti per qualche volta, magari alternando ai soliti complimenti o ai soliti messaggi carini.

Infine, il “no contact”
A questo punto, la strategia seduttiva è davvero al suo massimo potenziale. Hai dato, hai tolto. Hai creato nella persona che ti piace un sentimento di incertezza e insicurezza che si traduce in curiosità.

Non capendo più cosa provi tu per lei/lui, vorrà assolutamente vederci più chiaro e vorrà capire se la stai prendendo in giro oppure se ti piace sul serio. A questo punto tu devi sparire. Completamente.

Smetti di seguirla sui social, cerca di non incontrarla, evita tutti i posti che sai che frequenta abitualmente, non chiamarla e, se puoi, evita di farti controllare. Ad esempio potresti oscurare i tuoi accessi su WhatsApp oppure escluderla dalla condivisione dei tuoi post di Facebook. Le statistiche dicono che, con certezza praticamente matematica, facendo così:

la persona oggetto del desiderio si farà sentire entro 3 o al massimo 21 giorni.

Il “no contact” è veramente una tecnica infallibile di seduzione e funziona praticamente sempre, anche quando si ha a che fare con qualcuno che, razionalmente, non ha nessuna intenzione di cominciare una relazione o non si dimostrava per nulla interessato.

Perché funziona il “no contact”?

Questa tecnica seduttiva funziona perché lavora sulla nostra parte emotiva, bambina. Pensaci. Immagina un bimbo che ha tanti giocattoli nella sua cameretta e uno di questi non lo guarda mai, non lo usa, lo lascia parcheggiato su una mensola e non lo considera minimamente.

Prova a farglielo sparire, però. Entro pochissimi giorni, magicamente, comincerà a chiedere proprio quel giocattolo e tutto il suo desiderio si focalizzerà su quel gioco che non aveva mai guardato prima ma che ora gli è stato tolto e non sa più dove sia.

Il concetto applicato agli adulti si trasforma esattamente nella tecnica a tre step del “no contact”. Non fallisce perché lavora sui nostri istinti primordiali, sui comportamenti irrazionali, sull’inconscio e sull’intuito. Come dire: sedurre è possibile, se sai come farlo.

Errori da evitare

Attenzione, però. Essere seduttivi ha comunque delle regole imprescindibili che non vanno in alcun modo dimenticate. Sedurre non significa diventare fastidiosi, irriverenti, maleducati o invadenti. Ricorda sempre:

durante la fase di approccio, se l’altra persona ti intima decisamente di non darle fastidio devi assolutamente mollare la presa e rivolgere le tue attenzioni altrove;
il corteggiamento spietato va bene ma i comportamenti devono essere sempre educati, mai volgari né eccessivi. Sì a un messaggino al giorno o a un commento sui social, no a inondare le persone di messaggi a nastro o di telefonate in qualsiasi momento del giorno e della notte;
il corteggiatore seduttivo non diventa mai uno stalker quindi evita scenate di gelosia, evita di controllare la persona che ti interessa;
quando passi alla fase “togli” calibra bene ciò che dici per evitare di scadere nella cattiveria o nell’insulto, che ti farebbe squalificare immediatamente;
durante il “no contact” non devi assolutamente farti vedere né sentire. Non cedere alla tentazione di mettere un cuoricino su Instagram né a quella di mandare “solo un messaggino”. Silenzio totale.

Un’altra cosa molto importante da sapere, se si vuole provare il “no contact” è che anche la fase del ritorno dell’amato bene va gestita in modo calmo e freddo. Con questa tecnica, la persona che ti interessa si farà sentire prima o poi. Evita di farti vedere troppo felice ed entusiasta. Rispondi con gentilezza, giocati la tua carta ma non dare tutto subito sennò il gioco finisce immediatamente. L’altra persona, una volta capito che sei comunque ancora interessato, continuerà a ignorarti, rassicurata. Quando ti chiamerà cerca di essere tu a interrompere la telefonata o la chat per primo. Se ti invita fuori non accettare il primo appuntamento, di’ che hai un impegno e proponine un secondo, qualche giorno dopo. Se te la giochi bene, porti a casa una conquista sicura e anche molto interessata a te perché “non capire bene” è un concetto di mistero che ingolosisce tutti.

Ti è tutto chiaro? Se stai impazzendo da mesi per cercare di sedurre qualcuno che proprio non vuole cedere, provaci, comincia oggi stesso con la prima fase. In fin dei conti non hai niente da perdere, no? Eppure ti assicuro che il “no contact” ha davvero altissime percentuali di successo. Se messo in pratica esattamente come ti ho spiegato, ti porterà ad essere felice in massimo 21 giorni. In bocca al lupo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.