I profumi afrodisiaci che stimolano e rinvigoriscono la sessualità

Quando si parla di afrodisiaci siamo abituati a pensare immediatamente a cibi e bevande. Infatti, secondo alcuni studi, esistono alcune sostanze contenute in determinati alimenti in grado di stimolare i recettori del piacere, del vigore sessuale e addirittura di promuovere l’orgasmo rendendolo più intenso e appagante.

iscriviti ora su incontri-casuali.eu

Tuttavia non sono solo i piaceri della tavola che possono svolgere un’azione afrodisiaca ma anche i profumi. Il sesso si nutre di diverse sensazioni e tutti e cinque i sensi sono sempre coinvolti, quindi anche l’olfatto.

Quali sono le fragranze ideali a cui affidarsi per trascorrere un’indimenticabile notte di passione? Scopriamolo!

Cosa sono gli afrodisiaci

Si definiscono così tutte quelle sostanze naturali in grado di avere un impatto diretto sui recettori sensoriali, soprattutto collegati al piacere e al vigore sessuale.

Pensiamo ad esempio al classico abbinamento di ostriche e champagne, icona gastronomica preludio di tutte le notti di fuoco più famose in film e romanzi.

Il chitosano, contenuto nei frutti di mare, se abbinato con una bevanda leggermente alcolica, riesce infatti a propinare un effetto rilassante che aiuta a sciogliersi e ad abbassare le difese.

Sostanze come il ginseng, lo zenzero e il peperoncino, invece, fungono da tonici naturali e da vasodilatatori, aumentando il metabolismo e quindi la potenza sessuale maschile.

E che dire dell’ananas, di cui si parla maliziosamente da anni? Pare, in effetti, che bere 2-3 bicchieri di succo di ananas renda le secrezioni, soprattutto maschili ma anche femminili, più profumate e dolci.

Tuttavia, parlando di afrodisiaci non bisogna limitarsi a pensare al cibo perché nel sesso sono coinvolti tutti i sensi, olfatto compreso. Perciò anche alcuni profumi possono contribuire a rendere un rapporto sessuale più intenso e stimolante.

Ricordiamoci sempre che noi percepiamo gli odori grazie a una piccola ma specifica area del cervello che risponde in maniera diversa a ciascuno stimolo. Alcuni profumi ci permettono di ottenere un tipo di risposta che fa produrre ormoni strettamente legati all’attività sessuale, migliorandola.

i profumi afrodisiaci

I profumi afrodisiaci

Cominciamo con il dire che noi, come tutti i mammiferi, produciamo feromoni. Si tratta di sostanze derivanti dai processi chimici metabolici ma, in effetti, possiamo dire semplicemente che si tratta di quello che noi chiamiamo “l’odore della pelle” o il profumo personale di ogni persona.

Anche se ormai siamo troppo distratti dalla vita frenetica di ogni giorno, se ci soffermiamo un attimo a pensare, ciascuno di noi è perfettamente in grado di riconoscere il proprio partner (o qualsiasi altra persona a cui siamo legati affettivamente) semplicemente dal suo profumo.

L’odore della pelle è senza dubbio uno dei più potenti afrodisiaci naturali. Quante volte, infatti, ci si innamora o si sente un immediato impulso sessuale nei confronti di qualcuno che emana un profumo che ci piace particolarmente?

Oltre questo ci sono poi le fragranze, che si possono trovare sottoforma di bagnoschiuma o docciaschiuma, di essenze, di prodotti deodoranti o profumi.

Con questi si può giocare, per cercare di creare nell’altro sensazioni specifiche e rendere la serata un po’ diversa, più frizzante, sensuale.

Sembra una piccolezza ma non lo è: stimolare i recettori olfattivi con odori diversi dai soliti dona, in automatico, anche sensazioni differenti e quindi anche sfumature sorprendenti che possono fare la differenza.

Le fragranze afrodisiache consigliate a lui

Anche se siamo nell’era della parità dei diritti, nelle fantasie erotiche i ruoli sono quasi sempre ridotti a quelli tradizionali.

Generalmente, sotto le lenzuola, le donne amano l’uomo forte e deciso, che sa prendere l’iniziativa, sicuro di sé, capace, anche un po’ spavaldo.

I profumi che si abbinano bene a queste immagini sono quindi quelli persistenti ma asciutti, secchi, forti ma non eccessivamente aggressivi. Qualche esempio:

muschio e muschio bianco;
tutti gli odori che rimandano al legno e al bosco quindi il sandalo, per esempio, o il patchouli;
le fragranze piccanti e speziate come il pepe rosa, il peperoncino;
le essenze marine e salate, che ricordano appunto l’odore salmastro del mare.

Questi odori hanno sulle donne un effetto affascinante, in quanto in automatico rimandano a immagini romantiche e misteriose.

Agiscono sulla psiche femminile donando un senso di sicurezza, di calore, di calma. Aiutandole così a rilassarsi, fidarsi e affidarsi: tutte cose che promuovono l’orgasmo femminile e lo rendono più semplice da raggiungere e più soddisfacente.

Le fragranze afrodisiache consigliate a lei

Se invece è la donna quella che vuole stupire il compagno regalandogli una serata sensoriale e diversa a livello dei cinque sensi è bene puntare su profumi dolci e fiorati che, nell’uomo, rimandano a un’immagine di donna innocente, eterea, morbida e disposta a lasciarsi andare fra le sue braccia. Ad esempio:

orchidea, da sempre considerata anche in altre culture più antiche un fiore afrodisiaco utilizzato in antichità anche per realizzare filtri d’amore;
rosa, che è il fiore più regalato al mondo alla propria amata, infatti il profumo che un uomo sente mentre si reca dalla sua compagna con un fascio di fiori in mano è proprio quello ed è spesso abbinato al pensiero di cosa succederà da lì a poco;
talco, delicato e infantile, che dà l’idea di una ragazza pura e ingenua, fantasia che spesso negli uomini scatena passione;
pepe, che oltre a essere piacevole ha anche un effetto energizzante e rinvigorente.

Dove spruzzare il profumo?

Anche se non siamo abituati a farci caso, noi siamo estremamente sensibili ai profumi. Quindi la prima regola è: ne basta veramente poco. Mai esagerare, altrimenti si crea l’effetto contrario e un odore troppo intenso può addirittura disturbare l’altro.

Importante anche capire dove spruzzare i profumi afrodisiaci per valorizzarne al meglio la potenzialità.

Gli uomini dovrebbero puntare sul viso, ad esempio affidandosi a un dopobarba e sul petto. In questo modo fin dal primo bacio la donna potrà percepire l’essenza. E, dopo il sesso, potrà appoggiare la testa sul suo torace godendo nuovamente delle sensazioni rilassanti e piacevoli del profumo.

Le donne, invece, dovrebbero puntare sui lobi delle orecchie, i polsi e l’incavo dei seni. Questo aveva ancor più valenza anni fa, quando il baciamano era il primo approccio e l’uomo poteva bearsi del profumo della sua dama fin dal primissimo contatto fisico.

Come scegliere il profumo adatto?

I profumi afrodisiaci possono essere in diverse forme e ognuno dovrebbe scegliere la formula più confacente alle proprie abitudini ed esigenze. Ad esempio.

  1. Bagnoschiuma o docciaschiuma, in modo da offrire all’altro un profumo molto delicato. Così facendo si ottiene il risultato di far sembrare la fragranza scelta il proprio odore naturale.
  2. Creme per il corpo, così da avere una profumazione dappertutto ma molto delicata, che si percepisce solo a contatto fisico diretto.
  3. Acque profumate, da vaporizzare. Le essenze sciolte nell’acqua sono più semplici da percepire perché le particelle evaporano con più facilità ma risultano meno invasive e persistenti.

Profumi veri e propri, quindi soluzioni alcoliche, più decise e persistenti. In questo caso ricordarsi di usarne poche gocce, per evitare che il profumo risulti troppo aggressivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.