Problemi di coppia: quando non si fa più sesso

Cerchiamo di fare un discorso scevro da tabù e finti perbenismi: in una coppia che funziona, nella quale c’è attrazione e intesa, il sesso non difetta, né per quantità né per qualità.

iscriviti ora su incontri-casuali.eu

Il primo campanello d’allarme che inizia ad instillare dubbi sulla solidità di una coppia o sulla possibilità di continuare una relazione appena iniziata è quasi sempre la poca voglia di trascorrere momenti intimi.

Del resto lo conferma anche la statistica: la quasi totalità delle persone che si rivolge a consulenti specializzati in rapporti a due per cercare di salvare una storia che sta naufragando lamenta una carenza di sesso o un netto calo del desiderio reciproco.

In questo articolo parleremo di quanto incida la sessualità sui problemi di coppia e in quali casi ne è la causa e in quali l’effetto.

I problemi della coppia: non sempre è facile circoscriverli

Che si parli di coppie rodate o in boccio, bisogna partire da un presupposto: è impossibile che due persone si incontrino, si inizino a frequentare e scoprano di formare un incastro perfetto.

Ci sarà sempre un difetto, un atteggiamento, una situazione che rischia di creare dei problemi di coppia e che costringe i partner a smussare alcuni spigoli del proprio carattere per cercare di far funzionare le cose.

È interessante, innanzitutto, analizzare quali sono i fattori più comuni che possono scatenare delle crisi tra persone che si amano, si stimano e si vogliono bene.

Elenco delle motivazioni dei problemi di coppia

  1. Atteggiamenti personali e quotidiani che risultano insopportabili all’altro. Un esempio su tutti: la classica diatriba tra un partner ordinato e uno disordinato, un fumatore e uno che detesta il fumo, un vegano e un carnivoro.
  2. Discrepanze di valori. Per esempio, i casi in cui i due partner hanno idee politiche diametralmente opposte, religioni diverse o educazioni di matrice totalmente agli antipodi.
  3. Interferenze nel rapporto delle rispettive famiglie, o dei figli se frutto di precedenti relazioni.
  4. Disaccordo sulla gestione e l’organizzazione dei tempi e degli spazi.
  5. Gelosia e/o tradimenti.

Pare che questi siano gli argomenti più scottanti, quelli in grado di destabilizzare l’equilibrio anche delle coppie più affiatate e durature.

i problemi della coppia

C’è differenza tra coppie appena nate e collaudate

Parlando di problemi di coppia, è necessario fare un’importante differenziazione: le difficoltà che possono nascere tra due persone che si stanno conoscendo e si frequentano da poco sono ben diverse da quelle relative a partner sposati, conviventi o fidanzati da molti anni.

Due persone che si sono appena scoperte, ad esempio, non avranno certamente grossi problemi di convivenza, di gestione dei soldi o di diverse opinioni sull’idea di avere o non avere figli.

Di contro, una coppia ben consolidata, probabilmente sarà più tranquilla per quanto riguarda la fedeltà del partner e la veridicità dei sentimenti reciproci.

Problemi delle coppie appena formate

Quando si conosce una persona nuova, e si inizia a frequentarla, è abbastanza normale avere molti dubbi e prendersi un periodo per studiare la situazione, cercare di capire l’altro/a, rendersi conto se insieme si possa o meno funzionare.

I segnali che dovrebbero indurre a una riflessione, e magari fare arrivare alla conclusione che quella persona non è quella giusta, possono essere riassunti così:

poco desiderio sessuale;
reticenza nel condividere i propri amici;
scarsa presenza e poca voglia di frequentarsi spesso;
difficoltà nel frequentare le reciproche case.

Due persone che sono all’inizio di una storia, tendenzialmente, dovrebbero essere piene di entusiasmo l’una verso l’altra: avere continuamente voglia di toccarsi, baciarsi, scoprirsi, trascorrere serate insieme divertendosi, mostrarsi a vicenda le proprie vite.

Se durante i primi mesi di relazione tutto questo scarseggia, o viene del tutto a mancare, è abbastanza evidente che c’è un problema che va assolutamente affrontato.

Il sesso, in questo caso, è una cartina tornasole importantissima: se manca, o non è soddisfacente, significa che qualcosa non va.

Le storie appena nate si basano quasi sempre sull’attrazione fisica e sul desiderio incontenibile di conoscere l’altro/a prima di tutto fisicamente.

Tutti noi ricorderemo i periodi meravigliosi dell’inizio di una relazione, quando si gode ancora del batticuore, del brivido di eccitazione della novità, quando ogni occasione e ogni luogo sono buoni per fare l’amore, per scambiarsi delle effusioni.

Se questi comportamenti non vengono naturali, i motivi potrebbero essere diversi.

Ad esempio:

scarsa attrazione fisica, magari l’interesse reciproco è basato su altro, per esempio l’intesa mentale o la simpatia;
non è scattata la cosiddetta intesa sessuale.

Non è detto che una relazione in cui non ci si piace fisicamente o non ci si trova sessualmente compatibili non possa crescere e diventare comunque un bellissimo amore.

Tuttavia, se in una coppia manca il sesso o la voglia di farlo, è bene pensarci attentamente prima di farsi coinvolgere eccessivamente: di solito, queste carenze, a lungo andare, creano insoddisfazione e frustrazione e spingono uno o entrambi i partner a cercare avventure sessuali altrove, minando così la fiducia di coppia.

Il sesso è importante: all’inizio lo è ancora di più.

Possiamo quindi dire che, generalmente, nelle coppie appena nate il poco sesso può essere la causa di problemi futuri.

Problemi in caso di relazioni lunghe

Se parliamo di coppie rodate, quindi che stanno insieme da tanto tempo, invece il discorso cambia drasticamente.

In questo caso, un calo nella frequenza degli incontri intimi o nella qualità del sesso è, quasi sempre, un sintomo.

Può accadere che due coniugi o due fidanzati di vecchia data affrontino un periodo in cui uno o l’altro partner si dimostri disinteressato alle nottate passionali.

Alla base di questo possono esserci mille motivi: problemi di salute, professionali, litigi, discussioni per quanto riguarda i soldi, i figli, i suoceri.

Quando una coppia affiatata smette di fare sesso non è mai perché i due non si piacciono più o perché si è spenta l’attrazione fisica.

Piuttosto, il rifiuto dell’altro/a è la conseguenza di problemi più profondi e importanti.

Naturalmente, se in una coppia di lunga data, improvvisamente si smette di fare l’amore o lo si fa poco e male, non si può escludere l’ipotesi peggiore: la presenza di un’altra persona.

La maggior parte delle donne e degli uomini che scoprono un tradimento, infatti, sostengono di avere avuto i primi fondati sospetti proprio perché hanno notato un cambiamento nei comportamenti in camera da letto.

Non si tratta solo della frequenza con cui due partner fanno sesso ma anche di altri piccoli dettagli.

Ad esempio:

si nota che, improvvisamente, il proprio compagno o la propria compagna chiede di fare o fa cose, a letto, che non aveva mai voluto sperimentare prima;
il proprio compagno o la propria compagna non dimostra più soddisfazione dopo il sesso, nonostante l’intesa sia sempre stata buona.

La sessualità, quindi, in tutte le sue sfaccettature, è sempre un elemento diagnostico molto importante per la salute di una coppia.

Quando non è gioiosa, ricca, frequente e soddisfacente, c’è sempre un motivo, che è bene individuare il prima possibile.

Spesso, i problemi di coppia, possono essere risolti semplicemente ritrovando l’intesa sessuale e lasciandosi andare fisicamente.

Il contatto è un metodo potente per arrivare negli strati più profondi della sensibilità dell’altro/a e, ritrovandosi fisicamente, in molti casi è possibile anche ristabilire quel dialogo schietto ed empatico in grado di salvare una coppia in crisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.