Orgasmo femminile, maschile, anale, clitorideo e vaginale: sono tutti uguali?

L’orgasmo è un argomento fondamentale per quanto riguarda la sessualità. C’è chi ne necessita a cadenza regolare per sentirsi bene, fisicamente e mentalmente. Chi ambisce a provarlo ma fa fatica a raggiungerlo. Chi lo vede come unico scopo di un rapporto sessuale e chi vorrebbe, invece, comprenderlo a fondo per renderlo sempre più intenso, soddisfacente, diverso e sfaccettato di sensazioni nuove.

iscriviti ora su incontri-casuali.eu

La prima cosa da chiarire è che non esiste un orgasmo che sia uguale all’altro. E, soprattutto, che esistono diverse tipologie di orgasmi, ognuno con caratteristiche precise, in grado di donare emozioni differenti.

Cos’è l’orgasmo

Sembrerebbe scontato ma non lo è. Statistiche ufficiali, infatti, dimostrano che molte persone, anche adulte, sia uomini che donne, non hanno ben chiaro cosa sia l’orgasmo.

Questo perché magari non l’hanno mai provato o perché non sanno riconoscerlo. O, ancora, perché non lo trovano così “speciale” come invece si tende a descriverlo.

Si dice orgasmo, tecnicamente, il momento in cui, durante un rapporto sessuale, il piacere fisico raggiunge il suo apice, il massimo livello. Nell’uomo può coincidere (ma anche no) con l’eiaculazione. Nella donna, in molti casi, può provocare una fuoriuscita massiccia di liquido vaginale, che ricorda un po’ l’eiaculazione maschile. E’ sempre necessario che questo avvenga? In realtà no.

Molti uomini sperimentano, nel corso della propria vita, i cosiddetti “orgasmi asciutti”, senza che questo debba necessariamente essere sintomo di una patologia sessuale o della fertilità.

E non tutte le donne hanno il cosiddetto “squirt” o, comunque, non sempre. Anche in questo caso, nulla di preoccupante.

Ricordiamo sempre che la sessualità è molto personale e soggettiva e, seppur segua delle linee guida più o meno comuni per tutti, bisogna sempre tenere conto delle tante variabili fisiche e psicologiche di ognuno.

orgasmo femminile e maschile

Orgasmo maschile

L’orgasmo maschile è forse il più basico di tutti. I ragazzi, fin dalla più tenera età, iniziano a sperimentarlo in maniera del tutto involontaria. Grazie al fenomeno della polluzione notturna. Si tratta di erezioni spontanee, che spesso si concludono con un orgasmo involontario, che avvengono soprattutto di notte, si pensa in base all’attività onirica (sogni).

Gli uomini, generalmente, raggiungono l’orgasmo con facilità. Per provocare un orgasmo maschile, infatti, basta la semplice stimolazione meccanica del pene. Alcuni uomini hanno bisogno di condire quest’azione anche con pensieri mirati, con l’immaginazione, ma non tutti.

L’apice del piacere maschile si conclude con l’eiaculazione oppure con degli spasmi del pene pur senza fuoriuscita di liquido seminale. Le caratteristiche dell’orgasmo nell’uomo sono:

piacere intenso ma di breve durata;
possibilità di eiaculazione o movimenti involontari ritmici e ravvicinati, che segnalano l’avvenuto orgasmo anche in assenza di eiaculazione;
subitaneo rilassamento del pene che, da eretto, torna in posizione di riposo;
necessità di un periodo refrattario, cioè una pausa, prima di poter avere un nuovo rapporto.

L’orgasmo femminile

Parlando di donne, invece, il mondo dell’orgasmo è molto più ampio e ricco di sfumature. Innanzitutto c’è da premettere che:

le donne, quasi sempre, necessitano anche di un coinvolgimento mentale per raggiungere un orgasmo soddisfacente;
possono avere sia orgasmi vaginali che clitoridei che anali;
l’orgasmo femminile è molto più lungo anche se meno intenso, ad esempio non provoca un grosso coinvolgimento a livello cardiovascolare. Anche le donne sperimentano tachicardia e battiti accelerati durante l’orgasmo ma con un differenziale molto più basso rispetto all’uomo;
le sensazioni sono molto più variegate.

Vaginale o clitoridea?

La differenza tra orgasmo vaginale e clitorideo è molto semplice. Il primo si raggiunge con la penetrazione. Il secondo, invece, semplicemente con la stimolazione della clitoride. Che può avvenire tramite le dita, la lingua o la punta del pene.

Alcune donne riescono a raggiungere l’orgasmo solo in uno dei casi. Altre, invece, possono provare l’apice del piacere sia con la penetrazione sia con la semplice stimolazione clitoridea.

In genere, l’orgasmo vaginale è molto più languido, meno intenso ma più lungo, con possibilità anche di sperimentare l’ebbrezza degli orgasmi multipli. Mentre quello clitorideo è più simile a quello maschile: breve ma molto intenso.

L’orgasmo anale

Per quanto riguarda invece l’orgasmo anale è una delle sensazioni che accomuna sia l’uomo che la donna.

L’ano è una zona del corpo estremamente sensibile e ricca di terminazioni nervose. Per questo molte persone amano i rapporti anali. Perché trovano che il piacere che si prova durante queste pratiche sessuali sia assolutamente superiore, e soprattutto diverso e sorprendente, rispetto a quelle considerate canoniche e classiche.

Molti uomini, anche se eterosessuali convinti, amano ad esempio che la propria partner pratichi loro il massaggio prostatico. Una pratica che, se ben eseguita, è in grado di regalare all’uomo la possibilità di provare qualcosa di quanto più vicino possibile a un orgasmo femminile.

Infatti, il rapporto anale, è tranquillamente equiparabile a un rapporto vaginale. Anche il tipo di piacere che se ne ottiene è molto simile a quello che prova una donna durante la penetrazione:

possibilità di provare più orgasmi durante lo stesso rapporto, anche per gli uomini;
orgasmi lunghi e modulati, che possono avere fasi intense alternate a fasi di piacere più languido;
piacere prolungato, in grado di regalare emozioni e sensazioni differenti, intense, inaspettate;
possibilità di riprendere il rapporto, anche solo usando le dita, subito dopo. Uno dei motivi che più incuriosisce gli uomini etero. Perché, per loro, provare orgasmi a pochi minuti di distanza, è impossibile se non in questo caso, dove diventano passivi.

La soggettività

Naturalmente, come detto prima, bisogna comunque tenere conto del fatto che ogni persona vive la sessualità e il piacere del sesso secondo i propri canoni:

  1. fisici
  2. culturali
  3. psicologici
  4. mentali

e che l’orgasmo è un momento estremamente intimo, influenzato da mille variabili.

Infatti, la maggior parte delle persone che si rivolge a un sessuologo o a uno psicologo per problemi di anorgasmia, si scopre essere soggetti che hanno ricevuto un’educazione rigida, in cui il sesso era visto come un argomento tabù.

Al contrario, le persone che vivono il proprio corpo e la propria sessualità con allegria, consapevolezza e leggerezza, sono anche quelle che sperimentano orgasmi più semplici, prolungati, intensi e soddisfacenti. La mente è sempre molto importante nel rapporto con se stessi e con il partner.

Quando l’orgasmo non arriva

Non riuscire a raggiungere l’orgasmo, sia per un uomo che per una donna, è spesso fonte di grande frustrazione e preoccupazione.

Ci si sente sbagliati, imperfetti o addirittura sfortunati. Ci si sente privati di una delle poche gioie della vita.

Tutti questi pensieri negativi e questi ragionamenti, purtroppo, contribuiscono a peggiorare la situazione e a rendere la mancanza di orgasmo un problema di difficile risoluzione.

E’ importante sapere che, nella stragrande maggioranza dei casi, chi soffre di mancato orgasmo non ha una patologia. A parte rari casi (collegati spesso a patologie sottostanti e ai farmaci utilizzati per curarle, come ad esempio le malattie psichiatriche o metaboliche) l’anorgasmia è sempre di origine psicologica. Collegata, solitamente, a:

senso di colpa, spesso instillato da un’educazione rigida e proibitiva in età infantile e adolescenziale;
cattivo rapporto con il proprio corpo e con la propria fisicità;
esperienze traumatiche come violenze;
poca attrazione nei confronti del partner, fisica o mentale.

Quindi, se non si riesce a raggiungere l’orgasmo, nella maggior parte dei casi basta indagare dentro di sé la causa e cercare di superarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.