Le perversioni sessuali sono sempre comportamenti sbagliati?

In questo articolo affronteremo un argomento che, per alcuni, può essere scottante o imbarazzante. Ve ne consiglio invece la lettura, perché molto spesso una sessualità mortificata ha come causa proprio la convinzione di essere troppo perversi e quindi di doversi frenare.

iscrizione su incontri-casuali.eu

Vi prego di leggere con molta attenzione, prima di procedere con la lettura, il primo paragrafo che è invece dedicato a quelli che sono i veri comportamenti deleteri e scorretti in ambito di sesso.

C’è perversione e perversione

Quando si parla di sesso, ovvero una pratica che presuppone il consenso delle persone protagoniste dell’atto, è importante tenere sempre a mente alcune cose. Questo vale soprattutto per le ragazze e per le donne ma non solo. Anche gli uomini possono sentirsi violati o molestati in ambito sessuale.

perversione sessuale

Una premessa doverosa, parlando di “perversioni”, che è bene fare e leggere con estrema attenzione.

La pedofilia non è una perversione ma un reato. Ricordiamo che molestare sessualmente o intrattenere rapporti con minori, sia fisici che via web, è vietato dalla legge e comporta l’arresto. Allo stesso modo, la divulgazione di materiale pedo-pornografico (video, foto) anche tra privati non è consentito.
Costringere qualcuno ad avere rapporti, perché si pensa sia eccitante, è anch’esso un reato e si chiama “stupro”. Che sia perpetrato ai danni di una donna o di un uomo non conta, è comunque qualcosa che non va mai, per nessun motivo, fatto o subito.
Inviare via chat, messaggi, e-mail materiale pornografico senza che l’altra persona lo desideri o molestare con messaggi ripetuti, reiterati a sfondo sessuale qualcuno rientra nel reato di stalking e anche questo non va assolutamente mai fatto.

Il sesso è una delle cose più belle e naturali del mondo e deve sempre esserlo per tutti quelli che lo fanno. E’ bene quindi evitare, in tutti i casi e senza eccezioni, i comportamenti che possono renderlo sgradito o violento.

Le perversioni in ambito sessuale

Cominciamo con il dire una cosa. La “perversione”, quando si tratta di qualcosa desiderata e voluta da entrambi i partner, non esiste. A letto si dovrebbe godere della piena libertà di espressione, sempre e comunque.

Se una particolare pratica erotica genera e dona piacere a entrambi non c’è nessun motivo al mondo per il quale non goderne. Tutto ciò che la fantasia e la creatività ci permette di fare con il nostro corpo, per trarne gioia e soddisfazione, è da considerare totalmente naturale e non deve spaventare né far sentire in colpa.

Tuttavia, esistono alcune fantasie sessuali che in alcune persone creano da un lato curiosità e dall’altro diffidenza. A volte, porsi dei limiti a causa di paletti mentali, può addirittura comportare frustrazione. Un conto è dire “no” a qualcosa perché non piace. Un altro è dirlo perché si pensa che non sia socialmente accettabile.

L’uso dei sex toys

I sex toys sono una vasta gamma di giocattoli erotici, di varia natura, pensati sia per gli uomini che per le donne. Si va dai semplici vibratori fino ai più sofisticati dildi, passando per gli strap-on e i dispositivi per incrementare il piacere, come le famose palline giapponesi o gli anelli vibranti.

Utilizzare i sex toys in coppia rappresenta, per molte persone, un diversivo eccitante e complementare alla soddisfazione reciproca. Non esiste alcuna ragione al mondo per considerare questa pratica una cosa perversa.

Naturalmente, se si desidera giocare col partner avvalendosi di questi oggetti è bene provarne diversi, fino a trovare quello più indicato.

Le pratiche sadomaso

Alcune persone si eccitano mescolando piacere e dolore. Se la cosa è desiderata da entrambi, il sadomaso non è considerata una perversione ma una pratica sessuale come tante altre.

Generalmente, ciò che accende la passione delle coppie sadomaso non è tanto l’atto del provocarsi dolore a vicenda. Infatti, rispetto al bondage di cui parleremo dopo, sono solitamente comportamenti molto più soft.

Quello che piace è la sceneggiatura che questa pratica sessuale richiede di creare. Si utilizzano spesso abiti particolari, si fantastica creando veri e propri set cinematografici e situazioni che stimolano i sensi e il cervello a catapultarsi in situazioni molto diverse da quelle della vita reale.

Tutto ciò, se desiderato da entrambi, ha un potere molto grande sulla qualità degli orgasmi perché coinvolge soprattutto la parte fantasiosa, creativa e dedicata all’immaginazione. Molto spesso, infatti, soprattutto per le donne, immaginare può essere più eccitante e soddisfacente che la pratica.

Bondage e sesso estremo

Portato in auge dai famosi film della serie “50 sfumature di grigio”, il bondage è uno degli argomenti che genera più curiosità in assoluto quando si parla di perversioni sessuali.

In realtà, la pratica del sesso estremo non è considerata sbagliata se voluta da entrambi i partner.

Tuttavia va detto che alcune pratiche sessuali del bondage possono diventare pericolose, se non si è grado di eseguirle in maniera capace e sapiente. Tutti i pericoli possono essere tranquillamente evitati ascoltando l’altro.

Se durante il sesso estremo ci si accorge che qualcosa non è particolarmente gradito o provoca disagio e dolore è bene fermarsi immediatamente e ricominciare daccapo o, meglio ancora, dedicarsi a qualche altra cosa fino a che insieme non si trova un modo di rendere il tutto piacevole.

Menage a trois o sesso di gruppo

Gli uomini, in genere, non hanno alcun problema ad ammettere che sognano di fare sesso con due o più donne o, perché no, anche con la partecipazione di un altro uomo.

Per le donne, invece, il sesso a tre o in gruppo resta una cosa tendenzialmente da considerare una perversione. In realtà il sesso ludico non è concepito esclusivamente per due e avere voglia di sperimentare qualcosa di nuovo, chiedendo a una terza persona di unirsi, può rappresentare un gioco eccitante in grado di svegliare anche i rapporti più sopiti.

Altri tipi di fantasie

Parlando delle cosiddette “perversioni”, e lo virgolettiamo perché abbiamo compreso che il sesso libero e desiderato non è mai perverso, la gamma di scelta è veramente infinita.

Questo perché il sesso è una pratica così personale e versatile che ogni coppia può rendere realistica qualsiasi sua fantasia.

Potremmo quindi dire che non esiste un numero preciso di perversioni sessuali? Sì, certamente. Ogni persona è libera di usare il suo corpo, e giocare con quello del compagno o della compagna, secondo quanto la sua sensibilità, creatività e immaginazione suggerisce.

Quando la paura della perversione rovina il sesso

Molte persone anorgasmiche, soprattutto donne, scoprono, dopo un percorso di terapia o di analisi con psicologi e sessuologi che il loro problema non è assolutamente fisico o fisiologico ma psicologico.

E’ interessante notare che quasi la metà delle donne che faticano a raggiungere l’orgasmo durante un rapporto hanno, però, una fantasia sessuale raffinatissima ed estremamente varia.

Infatti, molte riescono ad essere delle fantastiche amanti virtuali o a scrivere poesie e racconti erotici intensi, ricchi, profondi pur non riuscendo a raggiungere le vette del piacere durante un rapporto fisico.

Questo problema può nascere proprio dalla paura di essere considerate amanti delle perversioni sessuali o, peggio ancora, ninfomani. Un termine dedicato esclusivamente alle donne che, purtroppo, ancora oggi viene spesso scagliato come un’offesa.

Bisognerebbe, invece, comprendere che il sesso non può essere perverso (esclusi i casi che abbiamo sottolineato nel primo paragrafo) perché si tratta di esplorazione, scoperta, sperimentazione. A letto bisognerebbe lasciar andare tutti i tabù e tutti i concetti della società e lasciar parlare esclusivamente il corpo.

Non siamo tutti uguali e, alcune persone, hanno bisogno di stimoli più forti e incisivi per riuscire a raggiungere il piacere. Non c’è niente di male nel desiderare alcune cose come l’uso di un vibratore durante un rapporto, la compagnia di una terza persona, la volontà di filmarsi mentre si fa sesso.

Sono tutti comportamenti che fanno parte della sfera emotiva e creativa di ognuno di noi e che possono diventare fonte di eccitazione e piacere per chi le considera valide alternative alle classiche posizioni sessuali che tutti conosciamo.

Se si pensa di aver bisogno di qualcosa di diverso, sessualmente parlando, il consiglio è quello di parlarne apertamente col partner, proponendo qualcuna di queste “perversioni sessuali”.

A volte basta cambiare un po’ le carte in tavola o inserire qualche piccola novità per far rinverdire anche i rapporti più logori, che sembravano non avere più chances di ripresa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.