Le donne sono tutte bisessuali: verità o leggenda metropolitana?

Il discorso della bisessualità femminile è, da sempre, un argomento in bilico tra mito e realtà. C’è chi sostiene che sia insito nella natura della donna essere bisessuale e chi nega con convinzione questa teoria. Dove sta la verità? Esattamente nel mezzo e, di seguito, cercherò di spiegarvi il perché.

iscrizione su incontri-casuali.eu

Cos’è la bisessualità

La bisessualità, per definizione del vocabolario, è l’attrazione fisica e sessuale di una persona verso individui sia di sesso maschile che femminile. Le donne bisessuali provano desiderio sessuale sia verso altre donne che verso gli uomini, con uguale intensità e innamorandosene seguendo gli stessi parametri di valutazione.

donne bisessuali
La bisessualità è un orientamento sessuale specifico, che non va assolutamente confuso con altri come l’omosessualità, la transessualità o la vasta gamma delle problematiche psicologiche legate alla sessualità femminile, che comprendono l’invidia del pene o la volontà di prevaricazione sul maschio.

Essere bisessuali significa essere persone assolutamente sane, tanto a livello fisico quanto psicologico, che però riescono a trarre piacere sia dai rapporti etero che da quelli gay. Una donna si definisce bisessuale quando:

ha un’idea libera e sana del sesso, vive serenamente la sua scelta e ne trae esclusivamente gioia, piacere e un arricchimento in termini sia sentimentali che fisici;
prova attrazione fisica sia per gli uomini che per le donne;
desidera con lo stesso intenso sentimento sia un uomo che le piace sia una donna che le piace;
ama, si innamora e può stabilire relazioni fedeli e durature sia con un uomo che con una donna.

Attenzione: essere bisessuale non implica il fatto di avere rapporti sessuali con un uomo e una donna contemporaneamente. Una donna bisessuale non è per forza infedele e, se innamorata e legata stabilmente, non è detto che abbia necessità di avere rapporti anche con una persona del sesso opposto al compagno o alla compagna per sentirsi felice, appagata e soddisfatta.

Tutte le donne sono bisessuali?

Qualcuno è fermamente convinto che tutte le donne siano bisessuali. Probabilmente questa affermazione trova terreno fertile perché le donne, tra loro, tendono ad avere rapporti più affettuosi e confidenziali rispetto a quelli che si instaurano tra uomini.

Per due amiche, ad esempio, è naturale andare in bagno insieme o abbracciarsi continuamente. Atteggiamenti che tra uomini vengono solitamente evitati, per paura di essere tacciati di omosessualità o scarsa virilità.

In realtà, le dinamiche tra amiche non prevedono per forza l’attrazione fisica. Due donne che si vogliono bene di un pulito e sincero amore sororale non hanno problemi a baciarsi sulle labbra, darsi a vicenda nomignoli affettuosi, dormire nello stesso letto o provarsi un abito entrando nello stesso camerino di una boutique.

Questo però dipende dalla capacità femminile di empatia e di confidenza e non tanto dal fatto che siano attratte fisicamente dal corpo dell’altra. D’altro canto, è anche vero che moltissime donne sono bisessuali.

Alcune lo ammettono e vivono le loro pulsioni con gioiosa serenità, altre ne sono spaventate e traumatizzate e quindi tendono a reprimersi o a rifiutare il loro stesso desiderio. Non accettare la bisessualità può comportare diversi problemi:

difficoltà nel vivere serenamente una vita sessuale appagante;
frigidità;
assenza di desiderio;
sensazione di non sentirsi mai totalmente appagate e felici, anche dopo un rapporto soddisfacente.

Le donne bisessuali, o che pensano di esserlo, dovrebbero lasciarsi andare ai propri sentimenti. Se questo risulta difficile o spaventoso, si possono rivolgere a uno psicologo o a un sessuologo e intraprendere un percorso di consapevolezza e di analisi, con l’obiettivo di arrivare a comprendere che la bisessualità è una condizione più comune di quello che si pensa e non patologica o perversa.

La mezza verità dell’affermazione: tutte le donne sono bisessuali

Come abbiamo detto all’inizio, c’è un po’ di verità nell’affermazione: tutte le donne sono bisessuali. Per comprenderla, però, dobbiamo fare un distinguo tra l’accezione che gli uomini danno alla sessualità e quella che invece danno le donne.

Per l’uomo, l’attrazione sessuale è esclusivamente fisica. Può innescarsi perché trovano una donna bella ed eccitante, perché sono attratti dal suo profumo, dal suo modo di muoversi o dal suo sguardo ma passa sempre e soltanto attraverso canali fisici.

Per le donne non è così. La donna può provare desiderio sessuale per moltissimi motivi, che comprendono anche le stimolazioni cerebrali e psicologiche. Quante donne, infatti, perdono completamente la testa per un uomo non particolarmente avvenente ma brillante e intelligente?

Se guardiamo la cosa da questo punto di vista, è semplice comprendere che una donna sia molto portata a innamorarsi di una bella testa, di un bel pensiero, di un eloquio elegante o di una frizzante simpatia, a prescindere dal sesso di chi possiede queste qualità.

Quindi, la risposta corretta alla domanda è: tutte le donne sono potenzialmente bisessuali ma non tutte sono in grado di provare un’attrazione così forte verso altre donne al punto da desiderare un approccio fisico con loro.

Le donne bisessuali lo sono dalla nascita o lo diventano?

Quando si parla di omosessualità si specifica sempre che è una condizione presente fin dalla nascita, perché difficilmente un etero cambia gusti nel corso della vita.

La bisessualità è una sfumatura meno netta, che può avere molti risvolti e molte motivazioni. Le donne bisessuali difficilmente lo sono fin da piccole. Possono nascere etero o gay ma quasi mai attratte da ambo i sessi.

La bisessualità è un arricchimento della sfera sessuale, che spesso si palesa in età matura, quando la donna ha già fatto le sue esperienze, conosce bene il suo corpo, i suoi gusti, le sue necessità. La scelta di voler provare un rapporto con una persona di sesso opposto a quello per cui si è sempre provata attrazione, spesso è determinata dalla curiosità o dalla voglia di vivere emozioni diverse, più ricche e sfaccettate.

Le donne sono curiose, amano le situazioni nuove, amano vivere tutti i colori della vita. Non è difficile, perciò, che raggiunta l’età matura e pensando di aver già conosciuto tutto ciò che il sesso con un uomo (o con una donna) è in grado di dar loro, nasca in loro la voglia di provare una nuova avventura.

Come e quando una donna può scegliere di diventare bisessuale

Una donna può scegliere di diventare bisessuale per svariati motivi:

curiosità verso un’esperienza eccitante e nuova;
voglia di ampliare le proprie sensazioni e quindi di non precludersi nulla in ambito sessuale;
consapevolezza e convinzione che l’appagamento possa arrivare da partner di entrambi i sessi;
improvviso innamoramento verso un’altra donna (o verso un uomo, per quanto riguarda le donne lesbiche).

Un’esperienza con un’altra donna, o con un uomo per le lesbiche, non fa di una persona un bisessuale. A volte si tratta di rapporti singoli che non si ripeteranno mai più e la donna continuerà a essere o etero o gay.

Altre volte, invece, una situazione occasionale può essere la chiave di volta per comprendere il proprio io più profondo e rendersi conto che, per essere felici, si ha bisogno di vivere il sesso a 360°, sia con gli uomini che con le donne.

C’è anche una terza opzione, spesso raccontata proprio in ambito di percorso di consulenza psicologica durante una fase di confusione a livello sessuale. Alcune donne gay o etero, dopo un’esperienza con una persona del sesso opposto a quello dei loro partner abituali, scoprono di non essere quello che pensavano.

Non sono pochi i casi, infatti, di donne lesbiche che diventano etero dopo aver avuto un’avventura con un uomo o di donne etero che si scoprono lesbiche dopo un rapporto con una donna.
Per onestà statistica bisogna dire che questo capita più spesso alle ragazze giovani, che fino a quel momento non avevano acquisito ancora molta esperienza in ambito sessuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.