Sesso e incontinenza urinaria femminile: cosa si può fare?

L’incontinenza urinaria femminile è un problema piuttosto comune nelle donne ma anche nelle ragazze.

iscriviti ora su incontri-casuali.eu

Infatti può dipendere da diverse cause, anche semplicemente anatomiche.

Nella maggior parte dei casi non rappresenta la spia di un problema serio e non è una patologia che mette a rischio la salute o la vita di chi ne soffre.

Tuttavia, può rappresentare fonte di grande imbarazzo e arrivare a inficiare la qualità della vita, soprattutto relazionale.

E il sesso? Che correlazione c’è tra sesso e incontinenza urinaria nelle donne?

Come si può minimizzare il problema senza rinunciare ai piaceri sessuali?

Nel corso di questo articolo cercheremo di affrontare la situazione in maniera semplice e pratica.

Incontinenza urinaria: cos’è?

L’incontinenza è l’incapacità, totale o parziale, di trattenere l’urina anche in assenza di stimolo.

Può colpire chiunque, dai bambini agli anziani ma sembra avere una maggiore incidenza nelle donne, soprattutto a partire dai 45 anni.

In parole semplici la vescica perde tono e tonicità e lascia fuoriuscire gocce di urina o, nei casi più gravi, tutta l’urina accumulata.

Questo accade sia in presenza di stimolo, che si palesa improvvisamente e in maniera così forte da non avere il tempo di raggiungere la toilette sia in totale assenza di stimolo.

Incontinenza femminile: cause

L’incontinenza femminile può sopraggiungere per diverse cause.

  1. Genetica, quindi la bambina, fin da piccolissima, non riesce a riconoscere o gestire lo stimolo urinario. Questa è la causa più seria di incontinenza, in quanto può essere correlata a una piccola disfunzione neurologica. La bella notizia è che chi soffre di incontinenza fin dalla tenera età può risolvere il problema parlandone col proprio medico, dato in genere per questa problematica si ricorre a efficaci cure farmacologiche.
  2. Post-parto, spesso transitoria. Nei mesi successivi al parto, soprattutto se avvenuto per via naturale, molte neo-mamme si trovano a fare i conti con l’incontinenza. Generalmente questa migliora con il tempo e, nel giro di un anno, si ritrova la totale e completa funzionalità della vescica. In questo caso, infatti, si tratta di uno stress post-traumatico della vescica che, durante la gestazione e il parto è stata forzata e compressa.
  3. Età. Man mano che il tempo passa tutti i nostri muscoli tendono a perdere elasticità e tonicità. Anche la vescica, quindi, può subire un deterioramento che la porta a essere meno forte e quindi a trattenere l’urina con maggior fatica.
  4. Motivi patologici come malattie a carico dell’apparato urinario e genitale o patologie che hanno impatto negativo sulla sensorialità e sui muscoli. In questo caso è necessario rivolgersi allo specialista che, in base al tipo di problema, potrebbe risolvere la situazione con farmaci specifici o con un intervento chirurgico, se la causa è una malformazione della vescica.

incontinenza urinaria femminile

Sesso e incontinenza urinaria femminile

Nella vita quotidiana, l’incontinenza si gestisce abbastanza facilmente.

Esistono infatti assorbenti appositi, discreti e comodi, che trattengono anche gli odori e possono essere indossati sotto qualsiasi abito.

Il disagio può invece nascere per quanto riguarda il sesso.

Cominciamo con il dire che un problema come l’incontinenza, naturale è comune a molte donne, non dovrebbe preoccupare un partner innamorato o comunque molto attratto e motivato.

In ogni caso, se invece è la donna che si sente frenata e non riesce a vivere serenamente il sesso, ci sono dei trucchetti che possono aiutare a nascondere il piccolo problema.

Cominciamo con il dire che, durante la penetrazione, l’incontinenza non si può manifestare, in quanto la pressione ritmica sulla vescica tende a bloccarla.

Qualche goccia di urina può però fuoriuscire nel momento in cui il pene viene sfilato e, rilassandosi, la vescica può perdere il controllo.

Ecco qualche consiglio:

svuotare la vescica completamente prima di un rapporto;
preferire la canonica posizione del missionario in quanto, stando sdraiate sulla schiena, si riesce a trattenere di più;
evitare, invece, il sesso in piedi o carponi perché in questo caso la forza di gravità potrebbe promuovere qualche perdita;
ricordarsi di proteggere il letto con traversine imbottite, discrete, da mettere sul materasso e da coprire con il lenzuolo. Essendo molto assorbenti, qualche goccia non si noterà neanche, in quanto prontamente assorbita dalla traversa.

Rimedi per l’incontinenza nelle donne

Se il sesso e l’incontinenza urinaria nelle donne, come abbiamo visto, può essere tranquillamente vissuto senza grosse preoccupazioni, non è però detto che il problema non vada affrontato e curato.

Per vivere meglio, per sentirsi più sicure, per acquisire fiducia e sicurezza in se stesse.

Nella maggior parte dei casi, l’incontinenza femminile dipende dalla perdita di tonicità del pavimento pelvico.

Esistono diversi esercizi e workout specifici per questa zona del corpo, pensati specificamente per le donne che sperimentano questi piccoli problemi di perdite urinarie.

Rinforzando la parete pelvica si impara a controllare meglio l’urina e si rende la vescica più forte, quindi contenitiva.

Si tratta, fondamentalmente, di contrarre i muscoli della vagina, come se si volesse trattenere la pipì.

Se eseguito più volte al giorno, trattenendo lo sforzo per almeno 30-40 secondi, nel giro di qualche mese si potrebbero iniziare a notare ottimi risultati.

La costanza nel tempo ottimizzerà il risultato e migliorerà di molto la capacità di trattenere l’urina e di ripristinare una situazione di normalità.

Cure specifiche

In rari casi l’incontinenza urinaria femminile può essere correlata a una patologia.

Vale quindi la pena, sempre, di far presente il problema al proprio medico di base che prescriverà dei test per escludere qualsiasi causa non fisiologica.

Se così fosse, l’incontinenza viene curata con farmaci o chirurgia e il problema viene risolto per sempre.

Sesso e incontinenza: sì all’ironia!

Ricordiamoci sempre che il sesso non è solo tecnica e performance.

Il sesso è un gioco, è complicità, è divertimento.

Accettare il proprio piccolo problema e riderne, ironicamente, insieme al partner potrebbe addirittura rendere le notti sotto le lenzuola ancora più hot, trasgressive e ricche di intimità e complicità.

Non bisogna mai vergognarsi di tutto quanto è naturale, e bisogna sempre pensare di non essere le sole.

Moltissime donne hanno questo problema e, probabilmente, per il partner non è neanche la prima volta che si trova a fare sesso con una compagna leggermente incontinente.

Succede, sono cose che capitano e fanno parte dell’essere umane, fragili, vere e coinvolte.

Infatti, qualche goccia di urina può essere rilasciata anche a causa dell’emozione, incluso quella provata durante un soddisfacente orgasmo.

Spiegare al partner che non si riesce a trattenere qualche goccia di urina perché il piacere provato è stato troppo forte potrebbe perfino diventare un grande motivo di orgoglio per lui.

Naturalezza e ironia, sotto le coperte, sono grandi alleate anche per superare un piccolo momento di imbarazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.