Come soddisfare una donna

La sessualità femminile è un discorso molto complesso, ricco di sfaccettature e sfumature che, per la maggior parte degli uomini, possono risultare misteriose e difficili da comprendere. Per poter soddisfare una donna dal punto di vista sessuale, però, è necessario innanzitutto capire ed imparare come funziona la sessualità femminile, com’è vissuta dalle donne e cosa cerca, prima ancora del piacere fisico.

iscriviti adesso

Il piacere sessuale di una donna è strettamente collegato alle fluttuazioni ormonali

L’uomo produce ormoni sessuali con costanza e regolarità. La donna, invece, no. La sua produzione di estrogeni, cioè gli ormoni che stimolano il desiderio sessuale e il relativo piacere, varia in base alle fasi del suo ciclo mestruale. È assolutamente normale, quindi, che in alcuni periodi del mese una donna non sia predisposta all’approccio fisico, o fatichi molto a raggiungere le vette del piacere.

soddisfare sessualmente una donna
Spesso non dipende dal suo partner, dalla sua bravura o dalla sua attenzione, né da lei: è un discorso puramente fisiologico. Soprattutto nella seconda parte del ciclo, da dopo l’ovulazione fino alla comparsa delle mestruazioni, gli estrogeni calano in modo significativo e possono inficiare il piacere sessuale femminile, rendendolo di difficile raggiungimento.

La soddisfazione sessuale della donna è prevalentemente cerebrale

Per l’uomo, il sesso è un discorso molto fisico, selvaggio, passionale, istintivo. Per la donna non è sempre così. Il desiderio ed il piacere sessuale, nella donna, dipendono principalmente da un coinvolgimento emotivo, cerebrale, emozionale.

Per soddisfare una donna è necessario stimolare, principalmente, la sua parte fantasiosa e il suo ego femminile. L’attrazione sessuale, per le donne, è un discorso molto più complesso rispetto al semplice apprezzamento di un corpo. Le donne si eccitano grazie alle parole, al tono della voce, ai complimenti, alle lusinghe, alle fantasie e agli scenari che si possono costruire attorno a un atto d’intimità.

Una donna non coinvolta emozionalmente in un rapporto, difficilmente raggiungerà il piacere. Quindi è importante, se si desidera soddisfare una donna, creare l’atmosfera giusta, sia per quanto riguarda il luogo e l’ambiente ma, soprattutto, per quanto riguarda la sua fantasia.

Introdurre un momento intimo partendo dalle parole: complimenti piccanti, un tono di voce seducente, frasi ammalianti, promesse o proposte di situazioni particolari e stimolanti sono fondamentali per predisporre una donna all’eccitazione e, di conseguenza, a un rapporto che sia soddisfacente anche per lei.

La differenza tra orgasmo vaginale e clitorideo

Le donne possono provare piacere fisico a due livelli: vaginale o clitorideo. Conoscerne la differenza è molto importante per poter soddisfare una donna fisicamente. Alcune donne preferiscono ed apprezzano la penetrazione più di qualsiasi altra cosa, altre invece provano piacere con una stimolazione più delicata ed esterna, altre ancora riescono a raggiungere l’orgasmo in entrambi i modi.

È fondamentale conoscere i gusti della propria partner, se si desidera renderla felice. A questo proposito è importante sottolineare il ruolo imprescindibile del dialogo, della confidenza e degli esperimenti. Sperimentare la sessualità, concedendosi i giusti tempi e senza l’ansia di dover concludere per forza ogni volta, è un ottimo modo di conoscere a fondo la propria donna ed imparare, gradualmente e poco alla volta, cosa le piace di più.

Il dialogo erotico

Il dialogo erotico, la condivisione delle fantasie, le frasi sensuali e il gioco della seduzione, rappresentano il preludio migliore per un rapporto fisico che dia soddisfazione anche alla donna. Stuzzicare il cervello femminile, i suoi desideri mai confessati e i suoi pensieri più intimi, è un potentissimo afrodisiaco.

Prima di iniziare ad avere rapporti con una donna, spesso si rivela un’ottima tattica quella di prendersi un periodo di tempo dedicato al dialogo, alle domande reciproche. Questo permette di scoprire i suoi gusti, le sue fantasie e i suoi desideri inconfessati, in modo da poterli realizzare al momento opportuno. A questo proposito, molte coppie trovano utile il sesso virtuale, telefonico o lo scambio di foto particolari prima di avventurarsi in una vera e propria relazione fisica.

Da un lato, un percorso di questo tipo potrebbe essere una strategia vincente: l’attesa aumenta il desiderio, raccontare ad una donna ciò che potrebbe accadere stimola la sua fantasia, la porta pian piano verso la voglia di scoprire e mettere in pratica tutto ciò che è stato immaginato insieme. Una donna che sceglie di avere un rapporto fisico con un uomo sul quale ha già delle certezze e delle aspettative è più predisposta, più curiosa ed eccitata e, di conseguenza, le sarà più facile raggiungere la soddisfazione.

Non obbligare mai una donna

La cosa peggiore che si possa fare, per far calare il desiderio di una donna, è quella di insistere quando non si sente predisposta a vivere dei momenti d’intimità. Come detto prima, spesso la mancanza di desiderio è qualcosa contro cui non può fare nulla, perché dipende dagli ormoni.

Farla sentire in colpa per un rifiuto o mortificarla per una prestazione poco entusiasmante o, peggio ancora, lamentarsi perché non ha raggiunto la soddisfazione, è un modo sicuro per gettarla in una condizione di scarsa predisposizione che comprometterà anche tutti i rapporti futuri.

Quando una donna non se la sente, meglio non insistere e prenderla sportivamente. La sua gratitudine per la comprensione, e per il comportamento maturo e rispettoso, la porterà ad essere più entusiasta la prossima volta, aiutandola anche a vivere più serenamente la sessualità e con più soddisfazione.

Come soddisfare una donna: consigli pratici

Ogni donna è un mondo a sè, complicato e ricco di sfumature e sfaccettature. Conoscere profondamente la propria partner è, sicuramente, una delle armi vincenti per regalarle splendidi ed indimenticabili momenti d’amore.

Durante i rapporti è bene cercare di ricordarsi le fantasie che ha confidato e cercare, per quanto possibile, di realizzarle. L’esperienza e la confidenza, man mano, insegneranno quali sono le sue zone più sensibili, quali sono le pratiche che preferisce, le parole che ama sentirsi sussurrare.

È importante cercare di individuare quali sono i gesti che le provocano maggior piacere e riproporli, durante i rapporti. Questo è anche un atteggiamento che denota attenzione: una cosa che lusinga e fa piacere a tutte le donne che, già solo per questa delicatezza, tenderanno a sciogliersi ed aprirsi di più.

Imparare a farsi guidare dalla propria donna

L’immaginario collettivo ha sempre identificato il maschio come il condottiero, colui che dirige i giochi, quello che deve sempre e comunque prendere l’iniziativa per essere e sembrare virile. Non è sempre detto che questo ruolo vada rispettato, soprattutto nell’intimità con la propria partner, dove non si deve dimostrare nulla.

Bisogna imparare a farsi guidare dalla propria donna, lasciare che sia lei, ogni tanto, a prendere l’iniziativa ed a chiedere cosa desidera. Non significa diventare un uomo meno virile o meno bravo sessualmente ma, semplicemente, utilizzare le proprie capacità per accontentare i desideri della propria partner.

Nessuna donna pretende che gli uomini leggano nel loro pensiero o indovinino tutte le carezze che loro desiderano. È, quindi, perfettamente normale e logico lasciarsi insegnare, lasciarsi accompagnare lungo il percorso della scoperta del corpo della partner e imparare cosa le piace e cosa no. Lei è sicuramente l’unica a poterlo spiegare nel migliore dei modi. La sua soddisfazione finale ripagherà sicuramente anche l’aver abdicato, per qualche minuto, al ruolo di direttore d’orchestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *